LOGIN

email
password

Registrati

Password dimenticata?

CARRELLO


CERCA

COLLANE


SCHEDA LIBRO


LETTERATURA ITALIANA

Montale  e l’«orrido repertorio operistico» <br> Presenze,  echi, cronache del melodramma tra versi e prose Titolo Montale e l’«orrido repertorio operistico»
Presenze, echi, cronache del melodramma tra versi e prose
Autore Luca Carlo Rossi
Anno 2007
ISBN 978-88-95184-29-6
Dati p. 138
Collana Letteratura italiana - Letteratura italiana
Prodotto fuori catalogo. Prego contattare staff

Cantante mancato, ascoltatore di melodrammi per passione, cronista musicale quasi per caso, Eugenio Montale subì il fascino dell’opera lirica, lasciandola penetrare nel proprio mondo poetico in costante concorrenza con la rete di richiami letterari e filosofici. Il viaggio attorno al Montale melomane qui proposto indaga diversi aspetti: la suggestione di un quadro della Bohème pucciniana in uno degli Ossi di seppia, le cronache operistiche scritte “fuori di casa”, ossia lontano dalla Scala, in giro fra i teatri d’opera italiani, e infine il suo amato «orrido repertorio operistico» trasposto nei versi. È la passione che muove questo Montale all’apparenza distante dall’impassibilità del suo caratteristico disincanto, come mostrano anche i tre rari scritti riproposti in appendice. «E sui palcoscenici pioveranno, insieme con le rose, anche i carciofi e i ravanelli: segno di inciviltà ma anche di passione per un genere d’arte che per molti è una corrida, per altri un rito; ma che per tutti (e consoliamoci con questa constatazione) è uno degli aspetti insostituibili della nostra civiltà artistica.»

indietro