LOGIN

email
password

Registrati

Password dimenticata?

CARRELLO


CERCA

COLLANE


SCHEDA LIBRO


SCIENZE ECONOMICO-AZIENDALI

Industria e sviluppo<BR>Per una interpretazione della storia economica dell'Italia 1861-1998 Titolo Industria e sviluppo
Per una interpretazione della storia economica dell'Italia 1861-1998
Autore Gualberto Gualerni
Anno 2009
ISBN 978-88-96333-29-7
Dati p.168
Collana Scienze Economico-Aziendali - Scienze Economico-Aziendali
Prezzo
  •  Libro: 14.00€
acquista_it  

Il libro rappresenta il frutto di una lunga riflessione che viene consegnata al lettore per trasmettere alcune chiavi interpretative utili per comprendere anche gli eventi attuali.

L’autore più che raccontare le diverse fasi dello sviluppo economico italiano, ne propone una interpretazione, analizzandone gli snodi cruciali.

·        L’adozione in Italia delle teorie keynesiane, con il pieno accordo del capo del Governo e di Confindustria, al fine di affrontare con successo la ristrutturazione industriale dei primi anni Trenta.
I risultati furono eccellenti al punto che alla fine degli anni Trenta l’Italia era collocata ai primi posti tra i Paesi industrializzati.

  • L’utilizzo strumentale della politica cosiddetta “autarchica” da parte del Governo fascista. Nel linguaggio di Mussolini il termine autarchia esprime la volontà di controllare il vincolo esterno ed assume accezioni diverse nelle differenti situazioni congiunturali.Quello che è certo è che in Italia una vera politica autarchica non potè in alcun modo essere attuata per il carattere aperto dell’economia italiana.
  • Nel secondo dopoguerra si fece ricorso all’espressione “miracolo italiano” per spiegare la rapidità con la quale l’economia italiana ebbe a riprendersi dopo l’esperienza bellica. In realtà la motivazione, più che ad eventi miracolistici, è da ricondurre alla qualità che l’industria italiana aveva conseguito negli anni Trenta a seguito della ristrutturazione industriale.
  • Negli anni Cinquanta, l’incapacità di cogliere appieno le ragioni della ripresa postbellica portò allo sperpero delle risorse disponibili, creando le premesse di una crisi che perdurerà fino agli anni Ottanta.
  • Negli anni Ottanta prendono forma, per opera di coloro che ebbero a capire che non vi era luogo a procedere per proteste e scioperi, nuove forme di relazioni sociali, che costituiscono uno degli elementi portanti di un nuovo modello di sviluppo che prenderà poi nome di “made in Italy”. La genialità degli imprenditori italiani e l’accorta professionalità dei dirigenti delle banche permisero al Paese, privo di un’azione politica integrata, di rimanere ai primi posti dei Paesi a economia matura.

 

Gualberto Gualerni è nato a Chiaravalle-Ancona il 20 Luglio 1930. Ha insegnato Economia Politica, Economia Industriale, Storia dell’Economia, e Storia Economica. Ha attivamente partecipato alla vita politica e sociale del Paese mantenendo in ogni modo la sua autonomia di scienziato.

Tra le sue pubblicazioni si segnalano: Industria e fascismo, Vita e Pensiero 1976; Ricostruzione e industria, Vita e Pensiero 1980; Lo Stato industriale in Italia 1890-1940, Etas libri 1982; Mercati imperfetti, Vita e Pensiero 1988; Storia dell’Italia industriale, dall’unità alla Seconda Repubblica, Etas Libri 1994; L’altra economia e l’interpretazione di Adam Smith, Vita e Pensiero 2001.



indietro