LOGIN

email
password

Registrati

Password dimenticata?

CARRELLO


CERCA

COLLANE


SCHEDA LIBRO


AREA ANGLO-AMERICANA

Il teatro dei nervi: L’immaginario nevrosico nella cultura dell’Ottocento Titolo Il teatro dei nervi: L’immaginario nevrosico nella cultura dell’Ottocento
Autore Alessandra Violi
Anno 2002
ISBN 978-88-87445-29-9
Dati p. 296
Collana Area anglo-americana - Area anglo-americana
Prezzo
  •  Libro: 16.00€
acquista_it  

Sin dal suo esordio nel tardo Seicento, la neurologia propone all’immaginario l’idea che il corpo umano sia una macchina nervosa perennemente suggestionata dal mondo esterno. Mesmerismo, automi sonnambuli, tecnologie spettrali e marionette isteriche iniziano a popolare la cultura della modernità, in un percorso ibrido che, attraversando letteratura, medicina, arte, spettacoli magico-scientifici e nuove tecniche di riproduzione, giunge al suo culmine nella retorica ottocentesca dello “shock”.
Il saggio rintraccia le molteplici declinazioni di questo teatro nevrosico, dove si delinea un confine sempre incerto tra primitive credenze magiche e nuovi saperi scientifici, tra corpi anarchici e fantasie di controllo sociale, tra forme di patologia e di creatività. La malattia dei nervi emerge così come un vero e proprio fantasma che inquieta il moderno e ossessiona le trame dell’immaginario dai fluidi invisibili di Mesmer alla suggestione isterica di Charcot e Bernheim, dalle fantasmagorie di Robertson al cinema illusionistico di Méliès, dalla visionarietà romantica alla pittura di sensazione preraffaellita, fino alle “macchine sonnambule” e “telepatiche” di George Eliot, Kipling o George du Maurier.

Alessandra Violi insegna Letteratura Inglese all’Università di Bergamo. Si è occupata della nozione di trasgressività nella tradizione inglese (Una stagione nel silenzio. Swinburne e la voce della tradizione, 1997) e dell’immaginario anatomico fra medicina, arte e letteratura (Le cicatrici del testo, 1998).

indietro