LOGIN

email
password

Registrati

Password dimenticata?

CARRELLO


CERCA

COLLANE


SCHEDA LIBRO


AREA ANGLO-AMERICANA

La conoscenza della letteratura vol.IV Titolo La conoscenza della letteratura vol.IV
Autore Angela Locatelli (a cura di)
Anno 2005
ISBN 978-88-87445-71-8
Dati p. 172
Collana Area anglo-americana - Area anglo-americana
Prezzo
  •  Libro: 16.00€
acquista_it  

“La conoscenza della letteratura” si propone qui, come nei tre precedenti volumi dedicati a questo stesso tema, in una accezione principalmente epistemologica ed estetica, ma anche in termini di valenza socio-culturale in senso lato. Si mettono cioè a fuoco in queste pagine alcune dimensioni del discorso letterario, per comprendere quanto è proprio di questo sapere.
Tramite precisi riferimenti critici e non meramente esemplificativi, a testi letterari di molti autori, tra cui Shakespeare, Pasolini, Thomas Hardy, Hermann Kasack, Gert Ledig, Kurt Vonnegut, ma anche a testi filosofici di Heidegger, Ricoeur, Lacan, e a testi pittorici, filmici e multimediali, si esplorano i legami tra letteratura e altre forme di conoscenza.
Questo lavoro ci conduce a cogliere sempre meglio il letterario come ambito in cui si manifesta, a partire dal linguaggio, la differenza dell'alterità, in quanto è visto come luogo dinamico di tensioni espressive e di negoziazioni cognitive, ideologiche ed emotive irrinunciabili. Propria del letterario è la metamorfosi che trasforma le azioni in “storie”, gli eventi in “racconto”, e i vissuti in significati e valori.
La letteratura ha più volte nel tempo avuto bisogno di “difese”, e ne ha ancora bisogno, ovviamente di tipo nuovo, nell'età del capitalismo globale che tende a cooptarla puramente in termini di evasione, cioè in termini riduttivamente pragmatici, che ne misconoscono l'intrinseco “sapere”. Accettando la letteratura solo come un passatempo, tra i molti possibili, cioè come una sorta di videogame imperfetto, se ne rimuove la specificità conoscitiva. Nel difenderla, si ritiene qui che la letteratura sia una delle cose che ci fanno “più intelligenti” delle macchine e si auspica che la cultura continui ad avere bisogno, e dunque a trovare spazio, per il tipo di intelligenza che la letteratura offre. Ne va, esattamente, della natura del mondo.

indietro